TRASPORTO AEREO: FEDERCATERING nuova rappresentanza imprenditoriale

 

Con accordo siglato il 20/6/2016, la neo costituita Federcatering si è resa disponibile ad assumere la rappresentanza imprenditoriale del comparto nel sistema di relazioni industriali del Trasporto Aereo.

L’accordo in oggetto è stato firmato tra la Federcatering affiliata a Federturismo Confindustria e la Filt-Cgil, la Fit Cisl, la Uiltrasporti, l’Ugl Trasporto Aereo, considerando che le OO.SS. hanno preso atto della cessazione definitiva della Assocatering, lasciando il settore privo di rappresentanza imprenditoriale collettiva.
La neo costituita Federcatering si è resa disponibile ad assumere la rappresentanza imprenditoriale del comparto nel sistema di relazioni industriali del Trasporto Aereo, sottoscrivendo l’accordo di parte generale del 2/8/2013 e la parte specifica del catering aereo del 31/7/2014 nonché ribadendo la propria adesione all’accordo 24/5/2016 relativo all’istituzione dell’Osservatorio.

 

Implementazioni al cassetto Previdenziale Liberi Professionisti

 

L’Inps illustra le novità riguardanti il Cassetto Previdenziale Liberi Professionisti. Il Cassetto è, come noto, riservato ai Liberi Professionisti iscritti alla Gestione Separata, nonché agli intermediari autorizzati ad operare per loro conto, secondo le abilitazioni previste.

La versione originaria del Cassetto – a cui l’utente Libero Professionista accede direttamente o tramite un intermediario delegato, mediante il sito dell’Istituto www.inps.it > “Servizi on line”, inserendo il PIN dispositivo – è stata implementata con alcune nuove funzionalità. L’obiettivo è il miglioramento della comunicazione con il contribuente sia in termini di efficacia dell’azione amministrativa sia in termini di efficienza.
In primo luogo, all’interno del menù “Comunicazione Bidirezionale” è stata inserita la funzionalità della “Bidirezionalità”. Scelta la sezione, si apre un sottomenù che comprende:
1. Nuova comunicazione: consente l’invio di una nuova comunicazione. Al fine di individuare e indirizzare le comunicazioni agli uffici competenti sono state individuate le tipologie di argomento delle richieste stesse, strettamente collegate alle funzionalità previste per il Cassetto Previdenziale dei Liberi Professionisti (Anagrafica, Deleghe, Domande telematiche, Istanze di rateizzazione, Normativa, Posizione assicurativa, Rendicontazione GS, Ricorsi, Riduzione sanzioni civili, Rimborso, Ruoli e Versamenti). In fase di una nuova comunicazione, è possibile allegare la documentazione nei vari formati fino ad un massimo di cinque file con grandezza non superiore a 1Mb ciascuno.
Inoltre, è possibile indicare un’email aggiuntiva rispetto a quella presente nei contatti, cui inviare eventuali notifiche. Dopo aver premuto il tasto “invia”, la richiesta viene inserita e può essere visualizzata all’interno del link “Lista comunicazioni inviate”.
2. Lista comunicazioni inviate: elenca le comunicazioni già inviate all’Istituto. L’elenco può essere filtrato per “Stato” e “Tipo di comunicazione”.
3. Lista comunicazioni ricevute: elenca le comunicazioni ricevute dall’Istituto con le stesse modalità della funzionalità precedente.
4. Contatti: la funzione permette l’inserimento e la modifica dei dati di contatto utilizzati per la Comunicazione Bidirezionale. Si ricorda che per il primo accesso i dati inseriti sono coincidenti con quanto presente negli archivi della Gestione Separata. I dati eventualmente modificati saranno attivi per le comunicazioni successive a quella in cui sono stati variati.

 

CCNL TLC: accordo 28/6/2016 per attività realizzate attraverso call center “outbound”

 

Sottoscritto, il 28/6/2016, tra Assotelecomunicazioni-Asstel e Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, l’accordo che modifica e integra la disciplina delle collaborazioni nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento al CCNL TLC

Premesso che:
– il giorno 1/8/2013 è stato sottoscritto l’Accordo per la disciplina del lavoro a progetto nei call center nel quale veniva previsto nel capitolo Corrispettivo che:
1. il livello retributivo orario è il minimo tabellare del 2° livello di inquadramento del CCNL TLC, rapportato alle ore di effettiva prestazione (incluse le sospensioni richieste dall’azienda funzionali allo svolgimento dell’attività e le pause previste dalla legge) nel periodo di vigenza del contratto a progetto;
2. al fine di permettere al mercato di adeguare i costi ai ricavi e di riallineare i diversi sistemi in atto per il riconoscimento del corrispettivo ai Collaboratori, le Parti convengono sull’applicazione, con le decorrenze di seguito indicate delle seguenti percentuali del suddetto livello retributivo:
– 1/10/2013: 60%;

– 1/1/2015: 70%;

– 1/1/2016: 80%;

– 1/1/2017: 90%;

– 1/1/2018: 100%.

– il giorno 22/12/2015 le parti hanno sottoscritto una integrazione dell’accordo collettivo 1/8/2013 con la quale hanno concordato di rinviare la decorrenza della progressione economica dal 70% all’80% di cui al capitolo Corrispettivo dell’Accordo 1/8/2013-30/7/2015 fino all’1/7/2016 e di incontrarsi per valutare gli effetti.

Tutto ciò premesso, le parti con il nuovo accordo firmato il 28 giugno 2016, concordano di rinviare le decorrenze della progressione economica così come definita al paragrafo 2 del capitolo Corrispettivo dell’Accordo 1/8/2013 secondo il seguente schema:
– 1/1/2017 dal 70% all’80%;
– 1/1/2018 dall’ 80% al 90%;
– 1/1/2019 dal 90% al 100%.

Tutela dei collaboratori
Le parti convengono sulla opportunità di dare un nuovo specifico assetto alla tutela dei Collaboratori di cui al presente Accordo secondo le seguenti modalità:

1. Dall’1/1/2017 i collaboratori il cui rapporto di lavoro sia in corso di svolgimento, nonché quelli che attiveranno successivamente un rapporto di lavoro, usufruiranno di Assistenza Sanitaria Integrativa per la copertura del rischio grandi interventi, prestazioni di long term care, alla gravidanza/maternità i cui costi saranno a totale carico dei committenti per un ammontare massimo mensile per ciascun lavoratore pari ad € 7,00 – importo onnicomprensivo di ogni onere di natura fiscale e contributiva – a condizione che il relativo rapporto di lavoro abbia una durata superiore a 30 giorni, comprensivi di eventuali proroghe o rinnovi.
2. Dall’1/1/2017 i collaboratori il cui rapporto di lavoro sia in corso di svolgimento, nonché per quelli che attiveranno successivamente un rapporto di lavoro, potranno optare volontariamente per una forma più ampia di assistenza sanitaria integrativa, a condizione che il relativo rapporto di lavoro abbia una durata superiore a 30 giorni, comprensivi di eventuali proroghe o rinnovi. In tal caso fermo restando quanto previsto al punto 1 che precede, il contributo massimo mensile, aggiuntivo rispetto a quello di cui al precedente comma 1), per ciascun lavoratore dovuto, onnicomprensivo di ogni onere di natura fiscale e contributiva, sarà così ripartito tra committente e collaboratore: committente € 6,00; collaboratore € 2,00.
Al fine di dare applicazione al presente articolo le parti concordano sulla costituzione di una Commissione Paritetica composta da massimo 12 componenti designati dalle parti stipulanti.

 

Fondazione IDI: a luglio il contributo per la formazione dei Dirigenti e Quasi della PMI

 

1 lug 2016 La Fondazione IDI, istituto che eroga servizi di formazione per i Dirigenti e i Quadri Superiori delle piccole e medie aziende industriali di beni e servizi, comunica alle aziende del settore che è in scadenza in versamento del relativo contributo indicato nel CCNL 31/1/2014.

Entro il luglio 2016, le aziende che applicano il CCNL per i Dirigenti e per i Quadri Superiori delle PMI produttrici di beni e servizi, devono versare il seguente contributo:

– 300,00 euro per ciascun Dirigente
– 200,00 euro per ogni Quadro Superiore.
Il contributo è paritetico tra azienda – dirigente e/o quadro superiore: 50% a carico dell’azienda e 50% a carico del dirigente o del quadro superiore. Esso può essere versato oltre che con bollettino bancario mav, anche tramite bonifico bancario intestato a FONDAZIONE IDI. e utilizzando i seguenti estremi bancari utilizzabili:

Fondazione Istituto Dirigenti Italiani
– Banca Prossima – IBAN IT 44 Z 03359 01600 100000129117
– Finecobank S.p.A. – IBAN IT 22 M 03015 03200 000003123750

 

Nuovo Modello Esercizio per l’Ente Nazionale per le Strade

 

01 lug 2016 Siglato il 15/6/2016, tra l’ANAS SPA e la FILT-CGIL, la FIT-CISL, la UILPA ANAS, la SADA FAST CONFSAL, la SNALA CISAL-UGL Viabilità e Logistica, l’accordo in materia di modello organizzativo dell’esercizio.

Con tale accordo le Parti hanno definito il nuovo modello, destinato a rendere omogenei i servizi e le attività di sorveglianza, manutenzione e pronto intervento su tutto il territorio nazionale, procedendo secondo le seguenti fasi:
– Definizione di un Accordo Azienda – OO.SS. Nazionali ;
– Approvazione del Modello Organizzativo in CdA Anas;
– Trasmissione dell’Accordo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti finalizzata al superamento del DPR 1126/1981;
– Contrattazione territoriale applicativa del modello per la parte di competenza (es. caratteristiche delle strade, estese chilometriche, applicazioni di eventuali norme di carattere regionale, articolazione degli orari di lavoro);
– Validazione delle evidenze territoriali a livello nazionale, ai fini del perfezionamento dei fabbisogni occupazionali;
– Avvio bandi di selezione, secondo schemi di priorità da concordarsi;
– Confronto sulle procedure operative a livello nazionale e successiva applicazione progressiva del modello su tutto il territorio aziendale.