IGIENE AMBIENTALE: ACCORDO 24/3/2014 SULL’ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

 

Firmato, il 24/3/2014, tra FEDERAMBIENTE E ASSOAMBIENTE, con l’assistenza di FISE, e FP-CGIL, FIT-CISL e UILTRASPORTI, l’accordo che regola il differimento delle scadenze previste dai rispettivi CCNL e dai successivi accordi, relative al versamento dei contributi ordinari e straordinari in materia di assistenza sanitaria integrativa (Fondo Fasda).

Premesso che per le parti stipulanti il CCNL FEDERAMBIENTE e il CCNL ASSOAMBIENTE, hanno individuato in FASDA il Fondo di Assistenza Sanitaria per i Dipendenti dei Servizi Ambientali, costituito con atto notarile il 28/2/2014, con la firma dell’ultimo accordo del 24/3/2014, hanno fissato le nuove regole da seguire per quanto riguarda il versamento sia del contributo straordinario una tantum (2,00 euro) sia del contributo ordinario annuale (170,00 euro).

Contributo straordinario
A integrale sostituzione di quanto previsto dal comma 6 del Protocollo di intesa 28/10/2013 nonché dagli artt. 68, comma 7, e 65, lettera B), comma 7 rispettivamente del CCNL Assoambiente e del CCNL Federambiente, le imprese che applicano detti contratti, a copertura delle spese di avviamento del Fondo FASDA, sono tenute a versare l’importo straordinario una tantum di 2,00 euro per ogni lavoratore con rapporto di lavoro a tempo indeterminato pieno o parziale, non in prova, compreso il personale apprendista, che risulti alle dipendenze dell’azienda alla data dell’1/4/2014.
Il predetto versamento dovrà essere effettuato entro l’8/5/2014 sul conto corrente bancario intestato al Fondo FASDA, con la specifica causale indicata, i cui estremi saranno resi noti dal Fondo entro il 15/4/2014.

Contributo ordinario
Il contributo ordinario annuale è pari a 170,00 euro, suddiviso in quattro quote trimestrale pari a 42,50 euro per ogni lavoratore dipendente come individuato dal precedente punto, ed è versato alle date del

– 16 gennaio,
– 16 aprile,
– 16 luglio,
– 16 ottobre

di ogni anno, con riguardo ai lavoratori dipendenti in forza alla fine dei singoli mesi di ogni trimestre immediatamente precedente quello nel quale è dovuto il contributo stesso.
L’inizio del versamento del contributo ordinario, già previsto a partire dall’1/4/2014, è differito alla data che sarà in seguito comunicata dal Fondo, ma che non avverrà comunque oltre la scadenza della rata del 16/7/2014.
L’inizio dell’erogazione delle prestazioni sanitarie integrative, già previsto a partire dall’1/4/2014, è correlativamente differito e avverrà secondo la decorrenza, i criteri e le modalità che saranno resi noti dal Fondo stesso.

 

FIRMATO L’ACCORDO SULLE CODE CONTRATTUALI DEL CCNL ESERCIZI CINEMATOGRAFICI

 

Firmato, il 26/3/2014, tra l’ANEC, l’ANEM e la SLC-CGIL, FISTEL-CISL e la UILCOM-UIL, l’accordo che chiude il percorso di analisi e confronto tra le parti, per il completamento normativo del vigente CCNL per i dipendenti degli esercizi cinematografici e cinema-teatrali.

Classificazione del personale (art. 2 del CCNL)
La Commissione Tecnica istruita per la chiusura del CCNL vigente, ha ridisegnato la struttura della classificazione del personale dipendente dalle monosale e multisale cinematografiche, riscrivendo il testo dell’art. 2 del CCNL, mentre ha rimandato alla prossima fase del rinnovo contrattuale ogni ulteriore approfondimento in merito alla classificazione del personale dipendente da Multiplex e Megaplex di cui all’art. 3 del vigente CCNL.
Pertanto, i lavoratori degli Esercizi Cinematografici Tradizionali, in forza alla data di stipula del presente accordo, verranno inquadrati in un sistema articolato in sette livelli professionali / parametrali in cui scompaiono, rispetto a quello precedente, i livelli 3 Super e 4 Super, secondo la tabella di raffronto sotto riportata:

Vecchia classificazioneNuova classificazione
Livello 1Livello 1
Livello 2Livello 2
Livello 3Livello 3
Livello 3 SuperLivello 3
Livello 4Livello 4
Livello 4 SuperLivello 4
Livello 5Livello 5
Livello 5 SuperLivello 5 Super
QuadroQuadro

L’eventuale differenza di retribuzione (3 Super – 4 Super) come da scala parametrale in vigore, verrà corrisposta a titolo di superminimo non assorbibile.
La nuova classificazione del personale dalle monosale e multisale cinematografiche di cui all’art. 2 del CCNL, è la seguente:

Livello 1
Appartengono a questo livello i lavoratori che svolgono attività semplici che non comportano specifiche conoscenze o pratica di lavoro.

Livello 2
Appartengono a questo livello i lavoratori che svolgono compiti di natura operativa, comprese le operazioni di vendita e ausiliarie alla vendita, e i lavoratori che svolgono attività esecutive semplici di natura tecnica e amministrativa, per le quali sono necessarie generiche conoscenze e capacità pratiche.

Livello 3 (3 Super)
Appartengono a questo livello i lavoratori che, oltre ai compiti di cui al livello 2, svolgono compiti di natura operativa, comprese le operazioni di vendita e ausiliarie alla vendita, e i lavoratori che svolgono attività esecutive semplici di natura tecnica e amministrativa, per le quali sono necessarie specifiche conoscenze e capacità pratiche.

Livello 4 (4 Super)
Appartengono a questo livello i lavoratori che, oltre ai compiti di cui al livello 3, svolgono compiti di natura tecnica e amministrativa per i quali sono necessarie conoscenze e competenze specialistiche qualificate, cui possono essere affidati compiti di supervisione di singole attività, in condizioni di autonomia operativa.

Livello 5
Appartengono a questo livello i lavoratori che, oltre ai compiti di cui al livello 4, svolgono compiti di natura direttiva, caratterizzata da iniziativa ed autonomia operativa, cui sono affidate funzioni di direzione relativamente alla gestione, organizzazione e controllo di un settore organizzativo, anche tecnico, dell’unità aziendale.

Livello 5 Super
Appartengono a questo livello i lavoratori che, oltre ai compiti di cui al livello 5, svolgono compiti di natura direttiva, con funzioni direttive di minore responsabilità rispetto al livello quadro e che forniscono un importante contributo per l’attuazione degli obiettivi aziendali.
A tali lavoratori sono affidati, in condizioni di autonomia decisionale ed operativa, la gestione, il coordinamento ed il controllo di un’unità aziendale.

Livello Quadro
Appartengono a questo livello i lavoratori con funzioni direttive che, per l’alto livello di responsabilità gestionale ed organizzativa, contribuiscono alla definizione degli obiettivi dell’azienda e svolgono un ruolo di rilevante importanza per l’attuazione degli obiettivi stessi.
A tali lavoratori sono inoltre affidati, in condizioni di autonomia decisionale e con ampi poteri discrezionali, il coordinamento ed il controllo di diverse unità aziendali.
Al personale inquadrato nei livelli della presente scala, con esclusione del livello 1, è attribuita la qualifica impiegatizia.
Le parti si danno atto che, la classificazione esposta all’art. 2, vuole essere un forte segnale di avvicinamento sulla strada della classificazione unica e della completa fusione con la classificazione relativa ai multiplex e megaplex espressa all’art. 3.

Lavoro a tempo determinato (art. 12 del CCNL)
E’ stata approvata con effetto immediato, la nuova normativa sui contratti di lavoro a tempo determinato, adeguando il nuovo testo contrattuale dell’art. 12 alle ultime disposizioni legislative in materia.
Pertanto, nel settore degli esercizi cinematografici, la stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato, oltre che nei casi consentiti dalla legge è consentita anche nei seguenti casi:
a) esecuzione di un’opera o di un servizio definito e predeterminato nel tempo;
b) periodi di più intensa affluenza del pubblico, sulla base delle previsioni di andamento del mercato cinematografico;
c) aumento temporaneo dell’attività aziendale indotto da particolari esigenze;
d) ragioni di stagionalità, ivi comprese le attività previste nell’elenco allegato al DPR 1525/1963 e successive modificazioni;
e) sostituzione di lavoratori assenti;
f) temporanea utilizzazione di professionalità non presenti in azienda;
g) fabbisogni connessi a temporanee esigenze amministrative e/o tecniche;
h) necessità non programmabili connesse alla manutenzione straordinaria nonché al mantenimento e/o al ripristino della funzionalità e sicurezza degli impianti.
Ai fini dell’attuazione della previsione di legge, per fase di avvio di nuova attività si intende un periodo di tempo fino a 12 mesi per l’avvio di una nuova unità produttiva.

 

Lavoro intermittente per gli operatori di call center

 

Il semplice utilizzo dello strumento telefonico non consente l’equiparazione del personale addetto alle attività di call center in bound e/o out bound agli “addetti ai centralini telefonici privati” (R.D. n. 2657/1923), pertanto, non è possibile utilizzare il lavoro intermittente per il medesimo personale.

Come noto, le ipotesi per cui è ammessa la stipulazione di contratti di lavoro intermittente, in assenza del requisiti soggettivi ovvero oggettivi, sono individuate dalla legge, la quale contempla le prestazioni svolte dagli “addetti ai centralini telefonici privati”. Tuttavia, ai fini della stipulazione del lavoro intermittente, gli operatori di call center non sembrano equiparabili a dette figure.
Mentre, infatti, l’attività degli “addetti ai centralini telefonici privati” ha una sua specifica connotazione, in quanto consiste esclusivamente nello smistamento delle telefonate, la prestazione svolta dagli operatori di call center è una prestazione più articolata in quanto si inserisce normalmente nell’ambito di un servizio o di una attività promozionale o di vendita da parte dell’impresa.
Resta, tuttavia, ferma la possibilità di instaurare un rapporto di lavoro di natura intermittente anche per le attività di call center in bound e/o out bound nell’ipotesi in cui il lavoratore sia in possesso dei requisiti anagrafici previsti o qualora ciò sia previsto dalla contrattazione collettiva.

 

CCNL OMBRELLI: firmata l’ipotesi di accordo

 

 

Firmata, il 28/3/2014, tra l’ANPO e la FEMCA-CISL, la FILCTEM-CGIL, la UILTEC-UIL l’ipotesi di rinnovo del CCNL per i dipendenti delle aziende industriali che producono ombrelli e ombrelloni fabbricati con qualsiasi materia prima, valido per il triennio 2013-2016.

L’intesa prevede un aumento di 116 euro al 4° livello, da ripartire con le seguenti tranches:
– 29,00 euro: dall’1/3/2014;
– 29,00 euro: dall’1/3/2014;
– 29,00 euro: dall’1/9/2015;
– 29,00 euro: dall’1/3/2016

LivelliDall’1/3/2014Dall’1/11/2014Dall’1/9/2015Dall’1/3/2016Tot. Aumenti
35,0035,0035,0035,00140,00
31,5031,5031,5031,50126,00
29,0029,0029,0029,00116,00
27,5027,5027,5027,50110,00
26,0026,0026,0026,00104,00
15,5015,5015,5015,5062,00

Minimi

LivelliDall’1/4/2012Dall’1/3/2014Dall’1/11/2014Dall’1/9/2015Dall’1/3/2016
1268,801303,801338,801373,801408,80
1084,161115,661147,161178,661210,16
974,731003,731032,731061,731090,73
903,70931,20958,70986,201013,70
833,89859,89885,89911,89937,89
585,27600,77616,27631,77647,27

I minimi tabellari non sono “conglobati”, pertanto, gli importi della contingenza e dell’EDR pari a 10,33 euro devono essere corrisposti in modo a se stante.

Una tantum
Al personale in forza al 28/3/2014, a copertura del periodo di vacanza contrattuale 1/4/2013 – 28/2/ 2014, viene riconosciuto un importo forfetario una tantum di euro 300,00 lordi da erogarsi in due tranches di pari importo:
– euro 150,00 con la retribuzione di aprile 2014;
– euro 150,00 con la retribuzione di luglio 2014.
Per i lavoratori con contratto a tempo parziale (part-time) l’importo forfetario è proporzionato all’orario concordato.

Elemento di garanzia retributiva
L’importo dell’E.G.R., pari a 200,00 euro lordi, uguale per tutti i lavoratori sarà erogato con la retribuzione di maggio 2014, febbraio 2015 e febbraio 2016 con assorbimento fino a concorrenza del valore dell’EGR di quanto individualmente erogato.
Le aziende in situazione di crisi rilevata nell’anno precedente l’erogazione e/o nell’anno di competenza dell’erogazione, che hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali o abbiano formulato istanza per il ricorso a procedure concorsuali di cui alla Legge fallimentare, potranno definire con RSU e/o OOSS di categoria la sospensione, la riduzione o il differimento della corresponsione dell’EGR per l’anno di competenza.

Previdenza complementare
ANPO si dichiara disponibile ad un incremento dello 0,20% del contributo aziendale destinato alla previdenza integrativa, per finanziare l’assicurazione per premorienza ed invalidità permanente, da stipularsi entro il 30/6/2014 previo specifico accordo tra le Parti istitutive.

Quota di sottoscrizione contrattuale
Prevista una trattenuta da parte delle aziende di 40,00 euro sulla retribuzione del mese di giugno 2014, a carico dei lavoratori non iscritti alle organizzazioni sindacali.

 

Siglato l’accordo di rinnovo per FEDERCASA

 

 

 

Firmato, il 27/3/2014, tra FEDERCASA e FP-CGIL, CISL-FP, UIL-FPL, FESICA-CONFSAL, l’accordo di rinnovo del CCNL FEDERCASA relativo al periodo 1/1/2010-31/12/2012 e 1/1/2013-31/12/2015.

L’accordo stabilisce un aumento retributivo di 100,00 per il livello B2 da erogare con le seguenti tranches:
– dall’1/1/2013: 90,00 euro
– dall’1/12/2015: 10,00 euro

QualificaPar.Dall’1/1/2013Dall’1/12/2015Tot. aumenti
Q1220154,6917,19171,88
Q2190133,5914,84148,43
AS176123,7513,75137,50
A1162113,9112,66126,57
A2150105,4711,72117,19
A313897,0310,78107,81
BS13796,3310,70107,03
B113594,9210,55105,47
B212890,0010,00100,00
B312185,089,4594,53
C111882,979,2292,19
C211480,168,9189,07
C311077,348,5985,93
DS10875,948,4484,38
D110372,428,0580,47
D210070,317,8178,12

Seguono i minimi

QualificaDall’1/2/2009Dall’1/1/2013Dall’1/12/2015
Q12.864,783.019,473.036,66
Q22.468,042.601,632.616,47
AS2.279,742.403,502.417,24
A12.088,972.202,882.215,54
A21.937,732.043,192.054,92
A31.782,211.879,241.890,02
BS1.760,421.856,751.867,45
B11.708,501.803,421.813,97
B21.622,561.712,561.722,56
B31.537,161.622,241.631,69
C11.500,841.583,811.593,03
C21.444,901.525,061.533,97
C31.400,011.477,351.485,94
DS1.396,451.472,391.480,83
D11.314,071.386,491.394,54
D21.269,321.339,631.347,44

Indennità di vacanza contrattuale
Prevista l’erogazione dell’indennità di vacanza contrattuale per il periodo 1/1/2010-31/12/2012.
Le Aziende in difficoltà finanziaria, potranno definire attraverso specifici accordi aziendali, da realizzare entro e non oltre 60 gg. dalla sottoscrizione del presente accordo, i tempi di pagamento delle spettanze maturate a titolo di arretrati e di IVC che dovranno essere corrisposte integralmente ed entro e non oltre il 31/10/2015.

Per la parte normativa le Parti hanno convenuto di adeguare gli istituti contrattuali oggetto di modifiche legislative:
– riconoscimento di un permesso retribuito di 3 giorni all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge o di un parente entro il 2° grado;
– introduzione della flessibilità dell’orario di lavoro per i dipendenti che svolgono funzioni di amministratore di condominio;
– eliminazione delle giornate di assenza retribuita aggiuntive (rispetto alle ferie) del 14 agosto, del 24 e 31 dicembre.