Contributi Inps iscritti a ruolo, possibile un unico atto di opposizione per merito e forma

 

In tema di opposizione a cartella esattoriale relativa a contributi previdenziali, è possibile esperire, con un unico atto, sia una opposizione sul merito della pretesa oggetto di riscossione, sia una opposizione agli atti esecutivi, inerente l’irregolarità formale della cartella

La vicenda giudiziaria riguarda l’opposizione di un datore di lavoro a una cartella esattoriale contenente contributi previdenziali dovuti all’Inps. Il Tribunale territoriale dichiarava inammissibile tale opposizione, rilevando che essa era stata tardivamente proposta. In Cassazione ricorre così il contribuente, contestando la qualificazione giuridica di opposizione agli atti esecutivi operata dal Tribunale riguardo alla sua domanda. Erroneamente, il Tribunale aveva limitato la propria decisione al rilievo della tardività del rimedio dell’opposizione agli atti esecutivi, con il quale era stata dedotta la nullità della cartella esattoriale, mancando di esaminare le altre questioni di merito dell’opposizione regolarmente sottoposte al vaglio del giudicante. A fondamento dell’opposizione all’esecuzione erano state dedotte la nullità della cartella per genericità del titolo, la prescrizione dei crediti contributivi reclamati dall’ente di previdenza e l’infondatezza delle avverse pretese, mentre l’adito giudice aveva attribuito valore e significato decisivi alla dedotta irregolarità formale del titolo all’interno del ricorso in opposizione.
Per la Suprema Corte il motivo di ricorso è fondato. In tema di opposizione a cartella esattoriale relativa a contributi previdenziali, infatti, è possibile esperire, con un unico atto, sia una opposizione sul merito della pretesa oggetto di riscossione, sia una opposizione agli atti esecutivi, inerente l’irregolarità formale della cartella. Ne consegue che, qualora l’opposizione sia stata depositata entro il termine perentorio di quaranta giorni, ma oltre quello di venti giorni, va ritenuta la tardività delle sole eccezioni formali, ossia di quelle attinenti la regolarità della cartella di pagamento e della notificazione.