Iscritti alle gestioni confluite nel FPLD, la cessazione del contributo di solidarietà dal 2018

 

L’Inps comunica la cessazione, con decorrenza dal 1° gennaio 2018, dell’obbligo di versamento del contributo di solidarietà dello 0,50% ex art. 24, co. 21, del D.L. n. 201/2011


 


Come noto, a decorrere dal 1° gennaio 2012 e fino al 31 dicembre 2017, gli iscritti e dei pensionati delle gestioni previdenziali confluite nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti e del Fondo di previdenza per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione aerea, erano obbligati a versare un contributo di solidarietà. In particolare, l’obbligo era posto a carico degli iscritti alle gestioni ex Fondo trasporti, ex Fondo elettrici, ex Fondo telefonici, ex Inpdai, nonché Fondo di previdenza per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione aerea, i quali, alla data del 31 dicembre 1995, avevano maturato una anzianità contributiva nelle gestioni stesse pari o superiore a 5 anni.
Orbene, a far tempo dal 1° gennaio 2018 è cessato l’obbligo di versamento del contributo di solidarietà in parola. Pertanto, i datori di lavoro, che abbiano alle proprie dipendenze personale già soggetto al contributo di solidarietà in argomento, non sono più tenuti a versare il predetto contributo a decorrere dalle denunce di competenza del mese di gennaio 2018. I datori di lavoro che abbiano comunque versato il contributo di solidarietà con la denuncia di gennaio 2018 potranno recuperare il relativo importo sulle denunce di competenza dei mesi di febbraio e marzo 2018. A tal fine, valorizzeranno all’interno del flusso Uniemens il codice causale già in uso “L241“, presente nell’elemento <CausaleACredito> di <AltreACredito> di <DatiRetributivi>.