APE: adesione e recesso istituti finanziatori ed imprese assicuratrici

 


Con riferimento alla domanda di Ape volontario, si forniscono le indicazioni relative alla comunicazione all’INPS della propria adesione o eventuale recesso dai rispettivi accordi quadro da parte degli istituti finanziatori e delle imprese assicuratrici.


Nel prevedere che il soggetto richiedente indichi nella domanda l’istituto finanziatore cui richiedere l’Ape, nonché l’impresa assicurativa alla quale richiedere la copertura del rischio di premorienza, la normativa precisa che i finanziatori e le imprese assicurative sono scelti tra quelli che aderiscono agli accordi-quadro da stipularsi tra il Ministro delle finanze e il Ministro del lavoro e, rispettivamente, l’Associazione bancaria italiana e l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici e altre imprese assicurative primarie. Il DPCM n. 150 del 4 settembre 2017, all’articolo 11, comma 1 e 2, definisce il contenuto dei citati accordi quadro e stabilisce i termini e le modalità di adesione agli stessi da parte degli istituti finanziatori e delle imprese assicuratrici.
Con riferimento agli istituti finanziatori, l’accordo quadro bancario stipulato tra il Ministro dell’economia e delle finanze, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e l’Associazione bancaria italiana (ABI) prevede che gli istituti finanziatori che intendono aderire all’accordo debbano comunicarlo all’INPS, e per conoscenza all’ABI, mediante un apposito modulo allegato all’accordo stesso. Il modulo dovrà essere inviato all’indirizzo di posta elettronica certificata della Direzione centrale pensioni dell’Inps, dc.pensioni@postacert.inps.gov.it, indicando nell’oggetto “Adesione Istituto finanziatore anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)”. Nel caso in cui gli istituti finanziatori intendano recedere dall’accordo quadro, gli stessi devono comunicare il recesso all’INPS e per conoscenza all’ABI, attraverso posta elettronica con oggetto “Recesso Istituto finanziatore anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)”.


Con riferimento invece alle imprese assicuratrici, l’accordo quadro per la polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza, stipulato tra il Ministro dell’economia e delle finanze, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici (Ania), prevede che le imprese assicuratrici aderiscono all’accordo quadro assicurativo tramite comunicazione scritta da inviare all’INPS utilizzando l’apposito modulo allegato all’accordo stesso all’indirizzo di posta elettronica certificata dc.pensioni@postacert.inps.gov.it, indicando nell’oggetto “Adesione Impresa assicuratrice anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)”.
Nel caso in cui le imprese assicuratrici intendano recedere dall’accordo quadro assicurativo, le stesse devono comunicare il recesso all’INPS mediante l’apposito modulo allegato all’accordo stesso, da inviare con oggetto “Recesso Impresa assicuratrice anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)”.