Accordo sul lavoro agile per il personale del Ministero dell’Interno

 

Sottoscritto, il 7/2/2018, tra il MINISTERO DELL’INTERNO e CGIL-FP, CISL-FP, UIL P.A., CONFSAL-UNSA, CONFINTESA FP, FLP, USB/PI, il Protocollo d’intesa in tema di sperimentazione del lavoro agile.

Le parti firmatarie dell’accordo in esame, intendono avviare un progetto pilota di lavoro agile rivolto al personale dell’Amministrazione civile dell’Interno in servizio presso alcuni Uffici Centrali e Periferici, in armonia con la legge 7/8/2015, che introduce nuove misure per la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nelle amministrazioni pubbliche.
Il progetto pilota ha durata semestrale e coinvolge un contingente massimo di 60 unità di personale appartenente ai moli dell’Amministrazione civile in servizio presso: il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, il Dipartimento per le Politiche del Personale dell’Amministrazione Civile e per le Risorse Strumentali e Finanziarie e le Prefetture – Uffici Territoriali del Governo di Foggia, Ravenna e Perugia.
La sperimentazione avrà inizio il prossimo 3 aprile.
Le Parti concordano sull’opportunità di monitorare l’attuazione del lavoro agile. A tale fine il capo dell’Ufficio presso il quale è assegnato il dipendente che partecipa alla sperimentazione procede, a cadenza periodica, ad una verifica circa l’andamento di ciascun progetto. Gli esiti delle singole verifiche formeranno oggetto di una analisi complessiva ai fini della redazione di una relazione conclusiva sul risultato della sperimentazione, che sarà sottoposta alle Organizzazioni Sindacali entro il 30/10/2018.
Al termine di tale fase di monitoraggio, saranno verificate le condizioni per l’avvio a regime dell’istituto dello smart working per tutto il personale dell’Amministrazione civile dell’Interno a decorrere dall’1/1/2019.