“Occupazione NEET”, operativa l’agevolazione per l’anno 2018

 

Operativo per l’anno 2018 l’incentivo “Occupazione NEET”, previsto in favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani aderenti al Programma “Garanzia Giovani”

L’incentivo è riconosciuto ai datori di lavoro privati che assumano, dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, giovani aderenti al Programma “Garanzia Giovani”, di età compresa tra i 16 e i 29 anni; nel caso di giovani di età inferiore ai 18 anni, questi devono aver assolto al diritto dovere all’istruzione e formazione. L’incentivo spetta laddove la sede di lavoro sia ubicata su tutto il territorio nazionale, con l’esclusione della provincia autonoma di Bolzano. In caso di spostamento al di fuori dei territori ammissibili, l’incentivo non spetta a partire dal mese di paga successivo a quello di trasferimento.
I datori di lavoro devono utilizzare una delle seguenti tipologie contrattuali:
– contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, con orario pieno o part time;
– contratto di apprendistato professionalizzante, con orario pieno o part time
E’ esclusa l’assunzione con contratto di lavoro domestico, occasionale o intermittente.
La misura del beneficio è pari alla contribuzione previdenziale dovuta a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi Inail, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.060 euro annui per lavoratore assunto, applicato su base mensile e riparametrato. Chiaramente, in caso di lavoro a tempo parziale, il massimale è proporzionalmente ridotto. L’incentivo deve essere fruito, a pena di decadenza, entro il termine del 29 febbraio 2020, nonché nel rispetto dei limiti sugli aiuti “de minimis”, salvo che l’assunzione del giovane comporti un incremento occupazionale netto rispetto alla media dei 12 mesi precedenti l’assunzione, da mantenersi per tutto il periodo di assunzione agevolata. Per i giovani di età compresa tra i 25 e i 29 anni di età, poi, è richiesta la sussistenza di ulteriori condizioni, tra loro alternative:
a) il giovane deve essere privo di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi;
b) il giovane non deve essere in possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado o di una qualifica o diploma di istruzione e formazione professionale;
c) il giovane deve aver completato la formazione a tempo pieno da non più di 2 anni e non dveve aver ancora ottenuto il primo impiego regolarmente retribuito;
d) il giovane viene assunto in professioni o settori caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25% la disparità media uomo-donna in tutti i settori economici dello Stato, ovvero sia assunto in settori economici in cui sia riscontrato il richiamato differenziale.
Al fine della fruizione dell’agevolazione, i datori di lavoro interessati devono inoltrare un’istanza preliminare di ammissione all’Inps esclusivamente in via telematica. L’Istituto, dopo aver verificato la registrazione del lavoratore assunto al Programma “Garanzia Giovani” ed accertata la disponibilità residua delle risorse, quantifica la misura spettante e comunica al datore di lavoro l’avvenuta prenotazione dell’importo. A pena di decadenza, entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione di prenotazione dell’Inps, il datore di lavoro deve, ove non abbia già provveduto, effettuare l’assunzione e confermare la prenotazione effettuata in suo favore.
Il beneficio è autorizzato secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza preliminare; per le assunzioni effettuate prima che sia reso disponibile il modulo telematico dell’istanza preliminare, l’Inps autorizza il beneficio secondo l’ordine cronologico di decorrenza dell’assunzione. L’erogazione del beneficio avviene mediante conguaglio sulle denunce contributive.