Bonus IRPEF e detrazioni figli a carico, le novità della Legge di Bilancio 2018

 


Apportate modifiche alla disciplina relativa al “bonus IRPEF” e alle “detrazioni per carichi di famiglia” dalla Legge di Bilancio 2018, in attesa di pubblicazione in G.U.

In particolare:

– è ampliata la platea dei beneficiari del bonus IRPEF, determinando nuove soglie di reddito. Nello specifico, ai titolari di reddito di lavoro dipendente e di taluni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, spetta un credito d’imposta rapportato al periodo di lavoro nell’anno, che non concorre alla formazione del reddito, di importo pari a:
* 960 euro, se il reddito complessivo non è superiore a 24.600 euro;
* 960 euro, se il reddito complessivo è superiore a 24.600 euro ma non a 26.600 euro. Il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 26.600 euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 2.000 euro.
Precedentemente gli importi di reddito complessivo erano 24.000 e 26.000.

– a decorrere dal 1° gennaio 2019, per i figli di età non superiore a ventiquattro anni il limite di reddito complessivo (computando anche le retribuzioni corrisposte da enti e organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, nonché quelle corrisposte dalla Santa Sede, dagli enti gestiti direttamente da essa e dagli enti centrali della Chiesa cattolica, non superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili) è elevato a 4.000 euro