Dipendenti agricoli: disoccupazione e ANF per i lavoratori

 


L’Inps fornisce alcune precisazioni circa l’attestazione della titolarità dell’IBAN – tramite il modulo SR163 o il modulo di “Identificazione Finanziaria” per i pagamenti su conti esteri – da parte del richiedente la prestazione di disoccupazione agricola.


In seguito alle richieste di chiarimento in merito all’attestazione della titolarità dell’IBAN – tramite il modulo SR163 o il modulo di “Identificazione Finanziaria” per i pagamenti su conti esteri – da parte del richiedente la prestazione di disoccupazione agricola, l’Inps precisa che i suddetti moduli vanno presentati una sola volta e considerati validi fino a che il richiedente la prestazione non comunichi la titolarità di un nuovo conto corrente e quindi di un nuovo codice IBAN. La procedura di liquidazione dell’indennità di disoccupazione e assegno per il nucleo familiare ai lavoratori agricoli gestisce, infatti, in modo automatico il controllo sul codice IBAN immesso in domanda, verificando in modo preventivo se lo stesso risulti già validato ovvero attivandone la registrazione ove si tratti di un codice IBAN di nuova validazione.


Nel caso in cui quindi il richiedente la prestazione abbia già provveduto ad allegare il modulo in argomento in occasione di una precedente domanda e l’IBAN sia già stato validato, non deve essere nuovamente richiesta la presentazione del modulo SR163 o del modulo di “Identificazione Finanziaria”. Si precisa, infine, che in caso di richiesta di pagamento della prestazione su un conto corrente bancario estero – non essendo possibile fare apporre timbro e firma di convalida sul modulo SR163 – l’interessato deve produrre, in sostituzione di quest’ultimo, il modulo di “Identificazione Finanziaria” predisposto dagli organi della comunità europea.