Sgravio contributivo CDS difensivi, il conguaglio delle somme residue per il 2014 e 2015

 

Le modalità per il recupero degli sgravi contributivi connessi ai contratti di solidarietà (CdS) difensivi accompagnati da Cigs, collegati alle somme residuate rispetto agli stanziamenti del 2014 e del 2015.

Considerato che le misure autorizzate nei decreti ministeriali di ammissione al beneficio contributivo in oggetto sono risultate superiori a quanto effettivamente speso, il competente Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha adottato nuovi decreti di ammissione nei confronti delle aziende, a valere sui residui dei fondi 2014 e 2015.
La procedura per per il conguaglio della riduzione contributiva deve essere attivata ad iniziativa del datore di lavoro interessato. La Sede competente, sulla base del decreto direttoriale di ammissione prodotto dall’azienda, provvede ad attribuire alla posizione aziendale il codice di autorizzazione “1W”.
I datori di lavoro che operano con il sistema UniEmens, interessati dai nuovi provvedimenti ministeriali di autorizzazione con le risorse residue stanziate per l’anno 2014, per esporre le quote di sgravio spettanti per il periodo autorizzato, valorizzeranno all’interno del flusso, <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, i seguenti elementi:
– nell’elemento <CausaleACredito>, il già previsto codice causale “L930” avente il significato di “Arretrato conguaglio sgravio contributivo per i CdS stipulati ai sensi dell’articolo 1 del DL 30 ottobre 1984, n. 726 (L. 863/1984) anno 2014”;
– nell’elemento <ImportoACredito> il relativo importo.
Le aziende destinatarie di decreti direttoriali di autorizzazione con risorse residue stanziate per gli anni 2014 e 2015, invece, valorizzeranno all’interno di <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, i seguenti elementi:
– nell’elemento <CausaleACredito>, il già previsto codice causale “L932” avente il significato di “Arretrato conguaglio sgravio contributivo per i CdS stipulati ai sensi dell’articolo 1 del DL 30 ottobre 1984, n. 726 (L. 863/1984) anno 2015”;


– nell’elemento <ImportoACredito>, indicherà il relativo importo.
Le operazioni di conguaglio dovranno essere effettuate entro il giorno 16 febbraio 2018.