Firmato l’accordo per il CCNL PMI Tessile/Chimico con le Associazioni Artigiane

 

Firmato l’accordo per il  CCNL PMI Tessile/Chimico con le Associazioni Artigiane

Sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro PMI Tessile (fino a 249 addetti) e Chimico (fino a 49 addetti) con le Associazioni Artigiane.

L’aumento medio complessivo sarà di 95 euro per il settore tessile; 95 euro per la Gomma-Plastica; 107 per Chimico-Concia; 90 per Ceramica, Vetro, Abrasivi; 120 per il settore Terzo Fuoco.
E’ stato realizzato in un unico contratto il primo accorpamento dei settori della MODA (tessile, abbigliamento, calzature, pelli e cuoio, giocattoli, occhiali, penne e spazzole, ombrelli, …) con i settori del CHIMICO (chimico, gomma-plastica, abrasivi, concia, vetro, ceramica, Terzo Fuoco, …)”, allineando tutte le scadenze contrattuali al 31 dicembre 2018 per una vigenza contrattuale complessiva di 21 mesi.
Sul capitolo del welfare contrattuale le aziende verseranno al fondo sanitario di riferimento (Sanarti). Verrà inoltre applicata la “bilateralità” prevista dagli accordi interconfederali con le associazioni artigiane sempre a carico dell’aziende.
Variato anche, per la sezione TESSILE, l’elemento di garanzia retributiva, per le aziende che non fanno contrattazione di secondo 2° livello, e per la sezione CHIMICA, l’elemento perequativo, sempre per le aziende che non fanno contrattazione di 2° livello.
In materia di mercato del lavoro, le Parti hanno normato l’apprendistato professionalizzante e la gestione dei contratti a termine, nonché la somministrazione del lavoro a tempo determinato.