Corso formativo obbligatorio per il requisito professionale del mediatore

 

Coloro i quali intendono acquisire il requisito professionale, necessario ai fini dell’esercizio dell’attività di agente di affari in mediazione, mediante il superamento del relativo esame devono obbligatoriamente seguire i corsi di formazione che vertono le materie oggetto della prova d’esame (Ministero Sviluppo Economico – parere n. 74892/2016).

Sulla possibilità di sostenere la prova di idoneità per la professione di agente di affari in mediazione da privatista senza aver frequentato il corso formativo il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti espresso parere negativo in quanto né la normativa nazionale né i precedenti orientamenti ministeriali prevedono espressamente la possibilità di sostenere detto esame in assenza della preventiva frequentazione del corso di formazione preparatorio allo stesso.
Infatti, il piano di studi di detti corsi preparatori contiene le materie oggetto delle prove d’esame ed è pertanto esclusa la possibilità di sostenere l’esame da privatista.

Va detto anche che in alternativa alla frequentazione del corso formativo e al superamento dell’esame, il requisito professionale può essere acquisito mediante un periodo di pratica di almeno dodici mesi continuativi con l’obbligo di frequenza di uno specifico corso di formazione professionale nel ramo della mediazione che interessa.
In entrambi i casi, per esercitare l’attività di mediatore, il titolo di studio minimo richiesto è il diploma di scuola secondaria di secondo grado (di qualsiasi indirizzo).