Resta salda la compatibilità tra la mediazione e il brokeraggio assicurativo

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha confermato in un nuovo parare la compatibilità dell’attività di agente di affari in mediazione con quella di brokeraggio assicurativo (Ministero Sviluppo Economico – parere n. 65371/2016).

Nell’ambito delle attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa, solo l’attività di brokeraggio assicurativo viene intesa come attività di intermediazione e quindi compatibile con l’esercizio della mediazione.
Nell’attività di brokeraggio risiedono i due elementi fondanti della mediazione tali da giustificare tale compatibilità e, cioè, la messa in relazione delle parti e il non essere legato a nessun vincolo di rappresentanza, collaborazione o dipendenza.
Infatti l’incompatibilità è prevista con qualsiasi attività esercitata in settori del tutto diversi rispetto a quello della mediazione e l’esercizio congiunto è consentito solo:
– con quelle attività collegate e messe in atto per la conclusione degli affari intermediati;
– con attività riconducibili espressamente al rapporto di mediazione.

Sulla base di tali elementi, quindi, l’attività di brokeraggio è intesa come vera e propria attività di mediazione, cosa che invece non accade con l’attività di agente assicurativo per la quale resta salda l’incompatibilità.